L’inaugurazione delle nuove sale del Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia e Villa Poniatowski ed il Tempio etrusco di Alatri


 

Il 19 gennaio, a Roma, presso il Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia, sono stati  inaugurati i nuovi spazi espositivi di Villa Poniatowski dove sono state allestite le vetrine con i reperti, prima esposti nelle  sale dalla 37 alla 40, provenienti da Veio, dai centri del Latium Vetus, tra cui Alatri, e dall’Umbria. Alle 11,00 nella gremitissima saletta conferenze del Museo,  Anna Maria Moretti, la storica sovrintendente dell’Etruruia Meridionale nonché ex sovrintendente archeologica di Roma, ha illustrato il processo di acquisizione, restauro ed allestimento di Villa Poniatowski, che ha portato finalmente alla realizzazione del Polo Museale Etrusco di Roma.

Villa Poniatowski prende il nome da Stanislao Poniatowski, nipote dell’ultimo re di Polonia. Stanislao, all’inizio dell’800, incaricò l’architetto Giuseppe Valadier, di trasformare  la  cinquecentesca Villa Cesi  in Via dell’Arco Oscuro, alle pendici della collina della villa Strohl Fern, il cui attraversamento è stato dato in concessione dallo Stato Francese.  Nel 1988 è stata espropriata ed acquisita appunto per accogliere l’ampliamento del vicino Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia e realizzare un itinerario unico che attraversa il giardino,  i sotterranei ed arrivare nelle sale espositive ai piani superiori. Con questo ampliamento emergono finalmente dai depositi corredi straordinari, sontuosi apparati funerari e preziosi oggetti come il corredo del re-sacerdote deposto nella tomba con un armamento tutto in bronzo o i principeschi oggetti della tomba della necropoli di Monte Michele, della metà del VII secolo a.C. Di nuovo allestimento è anche la Sala di Venere  con i capolavori provenienti dall’Etruria che, trafugati ed illecitamente esportati, sono stati restituiti da Musei e collezionisti stranieri all’Italia. Dall’Umbria e dal Latium vetus provengono i corredi principeschi di Palestrina ricchi di ori, le decorazioni architettoniche policrome e le sculture votive di importanti santuari come quello di Satricum ed il tempio di Alatri, la suggestiva sepoltura all’interno di un  tronco di quercia da Gabii, ed altri reperti da Forte Antenne, da Nemi, Lanuvio, Tivoli, Velletri. Negli spazi dell’essiccatoio delle ex Concerie riganti è stata spostata invece la Biblioteca della Soprintendenza ricca di circa 17 mila titoli.

Particolare importanza per la storia etrusca della terra frusinate hanno i frammenti esposti del tempio di Alatri.

Il tempio di Alatri

Il tempio extraurbano di Alatri fu scoperto, in località Stazza ad un chilometro a Nord dell’antica città di Aletrium, tra il monte Sacco e la località Cappuccini, fra il1882 ed il 1889. Aveva cella unica, profondo pronao ed era realizzato con blocchi di calcare. Splendide le antefisse con figura bidimensionale di Potnia Theròn (Signora degli animali) rappresentata mentre stringe tra le mani le zampe anteriori di felini rampanti. La fronte ed i lati del tempio erano costituite da lastre ornate con palmette e figure acroteriali con mostri marini. L’omogeneo complesso strutturale e decorativo è databile alla fine del III – II secolo a.C.   Ad est del tempio furono ritrovati anche i resti di un edifico di servizio composto da due vani nei quali furono probabilmente deposti i materiali votivi ritrovati, consistenti in ex voto e monete di varie epoche, la più recente delle quali, di età augustea, che testimoniano una frequentazione dell’era sacra fino alla prima età imperiale.

Dopo il ritrovamento dei resti del tempio ad Alatri, Adolfo Cozza (Orvieto 4/06/1848,   Roma 16/08/1910) cultore di lettere classiche, scultore, amico del ministro della Pubblica Istruzione, Direzione generale Antichità e belle arti, redattore della  Carta archeologica d’Italia, collaboratore di Sacconi alla realizzazione del Monumento a Vittorio Emanuele a Roma, nel 1890, ricostruì nei giardini del Museo di Villa Giulia, una copia a grandezza naturale del tempio di Alatri, completo degli elementi decorativi fittili, un vero modello tridimensionale di insuperabile intento didattico visibile ancora oggi nel cortile del museo di Villa Giulia. Altri reperti dell’area del tempio sono visibili anche nel Museo Civico di Alatri.

*Paola D’Arpino, architetto, presidente dell’associazione “Xenia” Turismo&cultura

Le fotografie di questo articolo sono dell’archivio dell’arch. Paola D’Arpino

Annunci

Informazioni su Paola D'Arpino

Architetto Laureata alla I Facoltà di ARCHITETTURA "L.Quaroni" dell'Università degli Studi “La Sapienza” di Roma nel 2005, V.O. indirizzo STRUTTURALE. Tesi "Progetto di Parco Pubblico Urbano ed Impianti Sportivi nell'area della stazione Prenestina di Roma". ( relatori : prof arch. Lucio Valerio Barbera, prof arch. Fabio Di Carlo). Ha conseguito l'abilitazione all'esercizio della professione nel 2006. Svolge l'attività di Architetto libero professionista dal 2007, fondando lo Studio D'Arpino. Ha partecipato a seminari, workshop, master e concorsi di progettazione, tra cui "Master in progettazione di Impianti Sportivi" presso La Sapienza & partners, 2010. Nel 2005 ha preso parte a Firenze alla mostra " Script Terragni Futuro " "Spot on Schools", nel 2006 ha esposto alla mostra "Terragni Futuro" presso la sede dell'Ordine degli Architetti di Roma. Nel 2011 e 2010 ha curato mostre fotografiche svoltesi nell'ambito della Settimana della Cultura. Nel giugno 2011 ha esposto i suoi progetti alla “Mostra tesi di laurea” – Frosinone “Villa Comunale” – Ordine degli Architetti della Provincia di Frosinone – Dipartimento Cultura L' attività del suo Studio Professionale si svolge nei settori de : Restauro e ristrutturazioni di edifici storici, impianti sportivi, edilizia pubblica e privata, residenziale e commerciale, progettazione e sviluppo di sistemi per la sostenibilità ed in particolare di impianti fotovoltaici . Dal 2012 è iscritta all'Albo dei Consulenti Tecnici di Ufficio (CTU) del Tribunale di Frosinone. Agli aspetti progettuali e alle pratiche del web grafic-visual design, ha sempre unito una costante ricerca bibliografica, teorica e critica, una attenzione particolare all'Arte, allo studio dell'Interazione Città-Uomo-Ambiente e alle connessioni tra comunicazione, aspetti sociali ed ambiti urbani. Ha pubblicato articoli, scritti e progetti, legati anche al suo territorio.E' presidente dell'Associazione Xenia, che da circa 15 anni si occupa di cultura e turismo culturale nella provincia di Frosinone.
Questa voce è stata pubblicata in Ambiente, Arte, Cultura, Fatti, Frosinone, Home, Musei della provincia, News, Storia, Turismo, Urbanistica ed Architettura e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...